The perfect Women di Vitasnella

 

Quante volte in giro per la città, sui mezzi pubblici o nei locali giudichiamo le persone che vediamo? quella è troppo magra, quello è troppo grasso, quella ha i capelli troppo lunghi, l’altro ha la pancetta e così via. Lo spot recente di Vitasnella ha voluto puntare proprio sui giudizi delle persone vedendo una ragazza con qualche forma in più, ma non solo, ha chiesto a coloro che sono stati chiamati a giudicare anche cosa avrebbero migliorato per rendere la ragazza Curvy, perfetta, dando loro la possibilità di utilizzare la tecnologia 3D per modificarla.

L’ agenzia  Saatchi&Saatchi, creatrice di questo spot firmato Vitasnella, avrebbe voluto far passere un messaggio importante, ovvero che la donna è perfetta anche se ha qualche difetto o forma in più, ma purtroppo così non è stato, anzi. Il pubblico femminile alla visione di questo spot si è sentito indignato e amareggiato ma soprattutto con un po’ di autostima in meno.

Questo è lo spot più chiaccherato del momento poiché, nonostante ci siano state tutte le buone intenzione dell’ agenzia a far veicolare un messaggio sociale di valorizzazione femminile e contro gli stereotipi, ha provocato numerose critiche sul web, guardate perchè.

Annunci

Hearing Hands – Samsung Advertising 2015: l’emozione di vivere in un mondo senza confini.

Devo ammeterlo,  quando ho guardato per la prima volta questo video un po’ di emozione c’è stata.

Come vi ho proposto altre volte in alcuni miei articoli, anch’esso fa parte di quella categoria di advertising che tenta di far provare emozioni al pubblico ed in questo caso Samsung, a mio avviso, ci è riuscita.

Per pubblicizzare il servizio di un Video Call Center, Samsung, ha immaginato come sarebbe se non esistessero barriere quotidiane per coloro che hanno problemi auditivi.

La giornata parte con un semplice buongiorno e da un grande sorriso, poi entra in scena il tassista, e tutti usano la stessa lingua, con evidente stupore del protagonista.

E’ servito un intero mese per preparare il progetto: il montaggio delle telecamere, frequentazione di corsi per imparare la lingua dei segni e la collaborazione delle sorella della “vittima”.

Il progetto è stato preparato ed organizzato nei minimi dettagli semplicemente per sconvolgere la giornata di una persona, che nella vita di tutti i giorni è costretta ad affrontare piccoli ostacoli.

Nel video è bello notare la reazione del protagonista che, anche se per un breve momento, ha avuto l’opportunità di vivere in un mondo senza confini.

 

 

Fonte

 

 

Un farmaco che fa alzare la sbarra… del parcheggio!

 

ic-card.preview

 

Come vi ho mostrato nello scorso articolo, pubblicizzare un farmaco che migliora le prestazioni sessuali maschili non è mai un lavoro facile.

In questo caso inoltre la protagonista è la Cina, paese in cui è vietato pubblicizzare prodotti di questo genere tramite canali tradizionali come televisione e carta stampata. Effettivamente sembrerebbe un lavoro davvero arduo e invece l’agenzia Charm Advertising ha avuto il cosiddetto colpo di genio uscendone vincitrice.

L’idea infatti è geniale: è stata riprodotta la confezione delle capsule Bazui Bushen Jiaonang sulla tessere che solitamente si utilizzano per entrare nei parcheggi, questo perché quando questa viene utilizzata, cosa accade? si alza la sbarra, ovviamente. Ed ecco qui la connessione tra la il farmaco e la sbarra del parcheggio. L’idea è davvero adatta visto il prodotto da pubblicizzare, questo senza risultare volgare o fuori luogo. Complimenti all’agenzia Charm Advertising.

 

Fonte

 

K-Y Jelly e una mamma soddisfatta ma distratta.

 

Sicuramente l’argomeno non è dei più semplici in quanto c’è un alto rischio di cadere nel cattivo gusto, ma l’agenzia Borghierh/Lowe di San Paolo è riuscita a creare uno spot davvero simpatico.

Per pubblicizzare il lubrficante intimo di K-Y Jelly, un prodotto Johnson & Johnson, ha messo su una simpatia situazione familiare.

Vediamo infatti una mamma che immersa nei pensieri della piacevole notte precedente, si distrae e nel preparare la merenda al figlio sbaglia qualcosa…

 

Fonte

 

Erection Packaging per Clavin

inside-look-on-clavins-new-packaging-11

Quando ho visto questo geniale packaging sono rimasta supefatta di quanto una idea così semplice potesse essere assolutamente originale e creativa. E’ questo un blister di Clavin, un farmaco per la disfunzione erettile ed è ovvio che non siano necessarie ulteriori spiegazioni.

Inoltre questo packaging, creato dell’agenzia Ogilvy & Mather di Praga, è stato premiato ed ha vinto un Gold Award agli ultimi Clio Awars. Come potete vedere nel mio post di qualche settimana fa riguardo i packaging, a volte le idee più semplici sono quelle più efficaci.

 

 

Fonte

 

 

 

Dove stupisce con l’arrivo della cicogna

 

Quale modo migliore per promuovere un prodotto adatto ai bambini? ebbene si, Dove ha pensato proprio ad una cicogna, ma non una vera bensì un drone che ha volato sopra i cieli del Brasile per donare la nuova crema Dove a mamme e piccoli. Dopo gli spot emozionanti dei giorni scorsi vi propongo questo esempio di ambient marketing davvero carino.

 

Fonte

 

Più è ghiacciata, più si spoglia..Sexy Pin-up per Birra Conti.

No no.. non sto parlando di una donna, ma bensì di una birra, o per meglio dire della Birra Conti, i cui marketer hanno deciso di divertirsi a capovolgere la realtà.

Solitamente quando fa freddo ci vestiamo di più giusto?

Invece per la sexy pin up stampata sulle lattine di birra Conti funziona proprio il contrario, quando la lattina viene messa in frigo la ragazza inizia a spogliarsi e…più è ghiacciata più la ragazza sexy si spoglia…! un metodo davvero geniale e allettante per capire al volo se la nostra lattina di birra è ghiacciata e quindi più gustosa.

 

 

Una buona azione crea un’onda senza fine.

 

Una buona azione crea un’onda senza fine. Questo lo spot di Care and Share, dove una bambina, al supermercato con la nonna e il fratello, desidera una torta. La nonna però, non avendo abbastanza soldi le nega questo desiderio.

Ma anche questa storia ha il suo eroe.

Un gentile signore,  acquista la torta e la regala alla bambina, poiché ricorda di aver vissuto la medesima situazione ed ad aver ricevuto a sua volta lo stesso regalo da un uomo sconosciuto molti anni prima.

E’ ovvia l’incredulità della nonna e l’immensa felicità della bimba, la quale desiderava tanto quella torta, ma non per se stessa ma per regalarla al nonno nel giorno del suo compleanno.

Uno spot sentimentale di infinità bontà che fa riflettere quanto siano importanti le piccole e buone azioni quotidiane, ma soprattutto quanto queste possano arricchire la vita di una persona.

 

 

Il Super Bowl in prima linea con uno spot contro la violenza domestica

Al telefono c’è una donna che appena chiamato il 911 e dopo avere dato il suo indirizzo la donna chiede una pizza peperoni e funghi. L’operatore un po stranito cerca di convincere la signora che quello che ha chiamato non è una pizzeria ma il numero per le emergenze. Ma la signora insiste ” Vorrei ordinare una pizza”, l’ operatore allora inizia a capire. ” C’è una emergenza a casa sua? “si” risponde la donna, “c’è qualcuno in casa e non può parlare? mi dica soltanto si o no”. “Si” risponde di nuovo la donna.

Tutto allora si fa chiaro.

E’ questo un toccante spot contro la violenza sulle donne, dove si riporta una telefonata realmente accaduta e il quale verrà trasmesso durante il Super Bowl nel mese di febbraio per promuovere ed aiutare l’associazione NOMORE che da tempo si batte contro la violenza domestica e sessuale.

Fonte

Quale supereroe vorresti essere? bambino spazzino per proteggere la mamma.

 

La nota compagnia di assicurazioni thailandese, Yhai Life Insurance, ci propone questo nuovo, e aggiungerei toccante, spot ispirato ad una storia vera la quale sta avendo molto successo.

Come nel mio articolo precedente, si tratta spot sentimentale il protagonista è un bambino con un sogno fuori dal comune: diventare spazzino per proteggere la mamma mentre essa lavora. Dopo l’incidente la mamma ha forti dolori e non riesce a stare molte ore in piedi, cosi appena il bimbo esce da scuola corre ad aiutarla.

A scuola alla domanda “quale supereroe vorresti essere?” i compagni desiderano super poteri come essere invisibile, essere capace di volare, avere una forza sovrumana. Il bambino invece si  differenzia sognando di essere un eroe spazzino, con tanto di armatura, per poter trarre in salvo la sua mamma. Uno spot davvero commovente.

 

 

Fonte